Logo Regione Autonoma della Sardegna
STATISTICHE DELLA REGIONE SARDEGNA

Performance delle imprese e incidenti stradali

Con questa uscita l'Ufficio di Statistica della Regione pubblica la XIII edizione delle “Imprese Guida in Sardegna” che contiene la mappatura economico-finanziaria del sistema produttivo locale attraverso l'analisi dei principali benchmark economico-finanziari delle imprese più strutturate appartenenti ai settori dell'Industria e dei Servizi del periodo 2002-2017. Contestualmente vengono diffuse le tavole sull'incidentalità stradale aggiornate al 2018.

Imprese Guida in Sardegna
Dall'analisi economico-finanziaria, realizzata sui bilanci di 11.759 imprese sarde con forma giuridica di società di capitale e cooperativa, attive nel 2017, emerge un andamento delle performance lungo la serie storica 2002-2017 in miglioramento negli ultimi anni sia per il totale delle imprese, sia per le 792 Imprese Eccellenti, ovvero le aziende che nell'ultimo triennio hanno raggiunto i migliori livelli di bontà della gestione aziendale dal punto di vista dello sviluppo e della redditività indipendentemente dalla dimensione d'impresa.

In particolare, cresce la dimensione delle imprese in termini di Fatturato. Nel 2017, infatti, si registra un valore mediano del Fatturato a livello di singola impresa pari a 259mila euro, con un incremento di quasi 40mila euro rispetto al valore del 2014. La crescita della dimensione del Fatturato riguarda anche le Imprese Eccellenti, per le quali si passa dai 471mila euro per impresa del 2014 ai 637mila euro del 2017. Migliorano i livelli di Valore Aggiunto mediano: il tasso di crescita annuale a livello di singola impresa è positivo e pari nel 2017 a +5,9% e al +15,4% per le Imprese Eccellenti. La redditività del Capitale Proprio raggiunge il 6,9%, toccando livelli di remunerazione dei mezzi propri attraverso risultati di gestione mai raggiunti dal 2002. La redditività operativa, pur mantenendosi su bassi livelli (ROI 2017 pari al 3,1%), recupera parte di quanto perso nel periodo di crisi. Le Imprese Eccellenti consolidano la loro alta redditività registrando per il 2017 un valore di ROE da manuale, pari al 25,6%, affiancando risultati operativi positivi e pari al 15,6% del capitale investito. La redditività di cassa per singola impresa migliora e si attesta sui 7 euro di flusso di cassa per ogni 100 euro di capitale investito e quella delle Imprese Eccellenti genera più di 23 euro. Il 2017 vede confermata la tendenza di riduzione del rapporto tra mezzi di terzi e mezzi propri. Il Leverage, infatti, a livello di singola impresa si assesta sul valore di 3,2, vale a dire che il capitale di terzi è 3,2 volte quello proprio. Per le Imprese Eccellenti il grado di autonomia patrimoniale è ancora più marcato, evidenziando un indebitamento pari a 1,3 volte rispetto al capitale apportato dai soci. In termini di risultati netti di bilancio, le imprese totali conseguono un valore mediano del risultato di esercizio pari a circa 3mila euro. Di queste, il 65% chiude il proprio bilancio in positivo, con un utile mediano pari a circa 11mila euro, mentre quelle che chiudono con una perdita di bilancio, il 27,1% del totale imprese, registrano una perdita mediana pari a -13mila euro. Il 97,6% delle Imprese eccellenti chiude i propri bilanci in utile con un valore mediano del risultato di esercizio pari a 44mila euro.

La pubblicazione quest'anno si presenta con una nuova veste editoriale. Il lavoro prevede, infatti, una serie di report tematici e settoriali disponibili per argomento che, presi singolarmente permettono di approfondire aspetti tematici particolari, mentre considerati nel loro insieme, rappresentano l'intera mappatura economico-finanziaria del territorio regionale. I report sono rilasciati progressivamente nel tempo, in rapporto allo stato di avanzamento dell'elaborazione delle fonti amministrative e statistiche aggiornate da cui sono tratte le informazioni alla base della ricerca sulle imprese.

Per la metodologia utilizzata si rimanda alla lettura del I capitolo della Pubblicazione in cui sono descritti gli obiettivi, le fonti, i processi e i parametri individuati nell’analisi economico-finanziaria.

Incidentalità stradale
Nel 2018 si sono verificati in Sardegna 3.461 incidenti stradali che hanno causato la morte di 105 persone e il ferimento di altre 5.046. Rispetto al 2017, aumentano gli incidenti (+1,1%) e le vittime della strada (+16,7%), mentre i feriti rimangono costanti, in netta contrapposizione con la tendenza nazionale. L'analisi di lungo periodo mostra negli ultimi vent'anni (1998-2018) una variazione media annua negli incidenti (-0,2%), nel numero di morti (-1,2%) e nel numero dei feriti (-0,3%) di lieve entità.

Il tema dell'incidentalità stradale si è arricchito di un nuovo indicatore relativo agli utenti vulnerabili (pedoni, utenti su velocipede, su ciclomotore, su motociclo senza passeggero e su motociclo con passeggero). L'Ufficio di Statistica, oltre ai dati messi a disposizione dall’Istat, utilizza i dati di base della Rilevazione degli incidenti stradali con lesioni a persone, verificatisi sul territorio regionale, che consentono di scendere a un maggior dettaglio nell'analisi del fenomeno e della sua evoluzione.

Le tavole statistiche contengono una tavola di sintesi iniziale che raggruppa i principali indicatori - per l'ultimo anno disponibile e ove possibile per gli ultimi anni - al fine di offrire una fotografia di immediata lettura del fenomeno in Sardegna. Per una migliore comprensione si suggerisce la lettura delle Note metodologiche che descrivono le diverse fonti utilizzate.

Consulta i documenti:
Lista indicatori Incidentalità stradale [file.pdf]
28.11.2019 Le Imprese Guida in Sardegna - Mappatura economico-finanziaria del sistema produttivo locale. Anni 2002-2017 [file.pdf]
28.11.2019 Infografica performance imprese [file.pdf]

Visita gli argomenti:
Trasporti
Imprese

Data pubblicazione: 28.11.19